Forni a microonde: deterioramento del cibo e della salute?

microonde

Le microonde hanno così tanti vantaggi che sarebbe quasi impensabile vivere senza di loro. Non solo ti fanno risparmiare molto tempo, ma ti permettono anche di cucinare un pasto in pochi secondi e persino per i cibi congelati. Tuttavia, il processo impiegato su questa tecnologia può causare preoccupazione ed è ragionevole chiedersi quali effetti possa avere sulla salute di chi la utilizza.

Radiazione attorno a un forno a microonde

La presenza di radiazioni è una preoccupazione centrale di molte persone quando si utilizzano forni a microonde. Da questo punto di vista, le radiazioni a microonde sono considerate cancerogene, oltre a promuovere l'infertilità. Tuttavia, la maggior parte delle ricerche pubblicate sull'argomento conclude che l'esposizione a radiazioni a microonde di basso livello non rappresenta un serio rischio per la salute umana.

Gli standard internazionali per le emissioni di microonde sono fissati su una scala di circa 5 mW per cm² a una distanza di 5 m dal dispositivo. La radiazione dovrebbe dissiparsi rapidamente quando l'utente si allontana dalla sorgente. Quindi, una misura presa a 50 m dal dispositivo corrisponderebbe a un centesimo di quella presa a 5 m. È quindi sufficiente allontanarsi dal dispositivo durante il riscaldamento per diventare immune alle radiazioni a microonde. Va anche notato che con l'evoluzione della tecnologia, la maggior parte dei modelli attualmente in commercio hanno emissioni ben al di sotto di questa scala. (fonte: Microwav.fr guida all'acquisto di microonde)

Microonde e danni alle proteine

I critici del forno a microonde spesso affermano che le microonde potrebbero denaturare le proteine ??negli alimenti, rendendole tossiche per il corpo umano. Ci sono, tuttavia, alcune idee sbagliate sul significato di questa distorsione. Questo perché questo termine non significa che una proteina sia cambiata in modi non specificati per trasformarsi in qualcosa di più tossico. Quando una proteina viene denaturata, significa specificamente che si è dispiegata e ha perso la sua forma tridimensionale. Tuttavia, tutti gli amminoacidi sono ancora collegati tra loro.

Il calore nella sua generalità provoca il fenomeno della denaturazione. La cottura di un alimento denaturerà quindi le sue proteine, indipendentemente dal metodo di riscaldamento utilizzato. La cottura può anche essere definita come il conseguente riscaldamento di qualcosa per cambiare la natura delle sue proteine. Questa denaturazione può anche derivare da una variazione del pH. In effetti, questo processo imita una delle funzioni dell'acido gastrico, che è la desaturazione delle proteine ??durante la digestione. Le proteine ??devono essere denaturate prima di essere scisse dagli enzimi digestivi in ??singoli amminoacidi. Verranno quindi assorbiti nell'intestino tenue.

Le persone abbastanza spesso confondono la denaturazione con l'isomerizzazione, che è il cambiamento nella configurazione degli amminoacidi. Questi possono infatti esistere in due configurazioni, ovvero la D- e la L-. Questo cambiamento influisce sul valore delle proteine. Tuttavia, accade solo se un alimento è stato troppo cotto, indipendentemente dallo strumento di riscaldamento utilizzato. Una cottura ragionevole dovrebbe quindi prevenire questo fenomeno.

Di più da Rivista Prospettive

Il museo Faure di Aix-les-Bains: una visita economica

La città di Aix-les-Bains beneficia di un museo, il Museo Faure, fondato nel 1949 ...
Leggi di più