Com'è fatto il Dom Pérignon?

Le bollicine che scoppiettano allegramente nei tuoi flûte da champagne non sono accadute lì per caso! Sono il risultato di molti anni di duro lavoro, cura e attenzione da parte dei produttori. Queste sono anche tecniche di produzione vecchie di diversi anni che usano ancora oggi con un piccolo mix di tecnologia, ovviamente. Ma com'è il file champagne in questo caso e Dom Pérignon più particolarmente?

La leggenda di Dom Pérignon

Dom Pérignon non è solo il nome di questa famosa annata conosciuta in tutto il mondo per la sua delicatezza e il suo gusto insolito. La leggenda vuole che fosse un monaco, la cantina dell'abbazia benedettina di Hautviller intitolata a Dom Pérignon, che fu all'origine del Metodo Champagne. Ai suoi tempi avrebbe infatti avuto una certa esperienza nella produzione di vini dell'Abbazia, che avrebbero portato alla creazione di vini frizzanti, che in seguito sarebbero diventati champagne.

L'assemblea di 3 vitigni, l'uso di un tappo di sughero, ma anche bottiglie più spesse per condizionare lo champagne prodotto, il confezionamento in fosse di gesso, tutto questo è a Dom Pérignon che dovremmo. Alcuni dicono che Dom Pérignon avrebbe versato cera d'api per tappare i colli delle bottiglie in modo da renderle il più possibile ermetiche e risparmiare gas. Dopo alcune settimane tutte le bottiglie sono esplose e la spiegazione data diceva che lo zucchero della cera d'api era caduto nel vino provocando un'effervescenza inaspettata da cui provenivano le bollicine!

Come viene prodotto lo champagne Dom Pérignon

Ci sono molte fasi che devono essere prese per fare con successo un Dom Pérignon, a partire dalla fermentazione alcolica, un processo durante il quale il succo d'uva diventa un vino fermo. Poi c'è l'assemblaggio dello champagne, generalmente vengono assemblati 3 vitigni, provengono da vendemmie diverse e da luoghi diversi. Segue l'imbottigliamento dove si aggiungono al blend zucchero e lievito.

Inizia così la fermentazione malolattica e anche la formazione delle bollicine. Per la maturazione, le bottiglie di champagne vengono conservate orizzontalmente in una cantina fresca e buia, durante questo periodo le bottiglie vengono girate ogni giorno per eliminare le fecce. Ma attenzione, un Dom Pérignon che si rispetti deve invecchiare almeno dieci anni per raggiungere la finezza e la raffinatezza così ricercate con questo champagne di lusso che puoi gustare in occasioni speciali o offrirlo in regalo se lo desideri.

More from Rivista Prospettive

Vini rossi: amici o nemici?

I pareri autorizzati e scientifici lo riconoscono: il vino rosso fa bene ...
Leggi di più