Colorare la tua argilla Fimo: una vera arte

Fimo argilla

L'argilla fimo, nota anche come pasta polimerica, è un materiale molto pratico per la creazione di vari oggetti artistici come gioielli fimo e altri accessori decorativi. Molto apprezzata dagli appassionati del fai da te dallo stile creativo originale, questa pasta ha una spiccata malleabilità che ne permette la modellazione secondo le ispirazioni. Tuttavia, la sua colorazione è così delicata che è indispensabile padroneggiare alcune tecniche e trucchi.

Gli accessori indispensabili per colorare l'argilla Fimo

Ce ne sono fondamentalmente tre, tra cui polvere di mica, pigmenti puri e ombretto. Questi diversi accessori vengono utilizzati allo stesso modo. Infatti, dopo aver terminato di modellare la pasta polimerica, deve essere spalmata con polvere colorante utilizzando un pennello. Il dettaglio importante a cui spesso bisogna prestare attenzione riguarda le proprietà adesive del Fimo. Questi sono molto più importanti a crudo rispetto a quando l'impasto è cotto. È per questo motivo che è sempre preferibile rivestire i gioielli in Fimo prima della fase di cottura.

Verniciatura

Una volta che l'argilla polimerica è ricoperta di polvere colorante, l'intero pezzo deve essere messo in forno prima di infornare a 130 ° per un periodo da 15 a 30 minuti. Si consiglia di insistere sul tempo di cottura per ottenere oggetti decorativi molto più resistenti. Ma oltre i 30 minuti, la cottura potrebbe dorare o addirittura bruciare le parti.

Dopo la cottura, l'oggetto deve quindi essere lasciato raffreddare per iniziare la verniciatura. Questa operazione deve essere eseguita con un pennello le cui setole sono morbide per evitare il deposito di rametti durante la verniciatura. Soprattutto bisogna applicare delicatamente l'argilla Fimo, evitando la pressione.

Una volta terminata la verniciatura, la creazione Fimo deve essere lasciata asciugare. La colorazione è ora corretta.

Il dettaglio del dipinto

Per quanto riguarda la pittura, viene dopo il modellatura dell'argilla Fimo. Quindi, non appena ottenuta la consistenza desiderata, il Fimo deve essere messo nel forno per la cottura che, come sopra specificato, deve avvenire alla temperatura di 130 ° per circa mezz'ora. Il pezzo cotto deve raffreddarsi, il che richiede di immergerlo in acqua fredda. Anche questo passaggio è fondamentale perché permette un buon indurimento del pezzo. Così condizionata, la creazione è pronta per ricevere la pittura acrilica. A seconda del colore desiderato, la vernice può o non può essere diluita con acqua. Terminata la fase di verniciatura, l'oggetto deve essere nuovamente asciugato per renderlo pronto per la verniciatura.

Un modo per diversificare i colori dell'oggetto creato è anche mescolare le pagnotte di Fimo già colorate.

Di più da Rivista Prospettive

In cosa consiste la depolverazione industriale?

La polvere che si attacca alle macchine influisce negativamente sulle loro prestazioni e ...
Leggi di più