Affitti non pagati: cosa fare?

L'affitto è un obbligo che l'inquilino deve al proprietario che diventa suo creditore. L'affitto non pagato mette entrambe le parti in una situazione critica. Possono sorgere diversi scenari che daranno luogo a varie soluzioni.

Ogni anno e in seguito all'attuale crisi, molti proprietari si trovano ad affrontare questa situazione in cui l'inquilino non può pagare l'affitto. Questi proprietari si interrogano quindi sulle procedure da seguire e quali misure adottare per obbligare l'inquilino a pagare, se necessario, come procedere con lo sfratto?

È possibile trovare un compromesso amichevole?

All'osservazione di affitti non pagati, la prima reazione del locatore è quella di rivolgersi al suo inquilino per chiedere il motivo del mancato e trovare un accordo per accelerare il pagamento del non pagato.Non importa se la situazione dei crediti inesigibili è dovuta al caso o volontaria da parte del conduttore, la cosa migliore è reagire il più rapidamente possibile per evitare che la situazione si prolunghi.La misura più appropriata sarebbe quindi la stipula di un accordo amichevole al fine di evitare lunghi procedimenti dinanzi al giudice.In questo caso, le parti si uniranno per sviluppare congiuntamente un piano per il pagamento, parziale o totale.Tutto dipende dalla comprensione del proprietario ma anche dalla buona fede dell'inquilino. huot-avocat-perpignan.fr per conoscere le procedure.

Quali sono le procedure applicabili in caso di mancato pagamento?

Quattro procedure sono applicabili nel contesto del mancato pagamento dell'affitto. Prima di tutto, ha la riscossione: fase che segue il fallimento del concordato amichevole e in cui il locatore cerca di avvisare l'inquilino di pagare inviandogli una lettera chiedendogli di pagare i debiti non pagati. In caso di mancata risposta dopo quindici giorni verrà inviata una diffida. In caso di risoluzione, la procedura si conclude in questa prima fase. Se applicabile, ilsfratto inquilino è possibile. Infatti, 2 mesi dopo aver ricevuto l'ordine di pagare da un ufficiale giudiziario, se l'inquilino non reagisce, il procedura di sfratto può essere avviato. Tuttavia, prima di procedere allo sfratto e al procedimento legale, è possibile il sequestro dei beni dell'inquilino al fine di costringerlo a pagare il suo debito.

Il caso dell'assicurazione per l'affitto non pagato

È importante sottolineare, tuttavia, che quando si tratta di affitti non pagati, c'è ciò che viene definito " assicurazione per l'affitto non pagato ", una forma di mutuo che copre gli affitti non pagati. L'assicurazione può garantire il rimborso di tutti o parte dei canoni non pagati secondo una scala prestabilita. Può anche sostenere il costo di tutela giuridica del conduttore in caso di necessità e secondo un criterio ben definito. In breve, l'assicurazione per l'affitto non pagato sostiene sia l'inquilino che il locatore e garantisce il pagamento del debito.